Digital divide

Nella società contemporanea le tecnologie dell’informazione e della comunicazione hanno assunto un ruolo sempre più rilevante. Nella Società dell’Informazione e della conoscenza tutto passa attraverso la rete, dal lavoro agli affari, dalle relazioni sociali all’intrattenimento: di conseguenza, l’esclusione dalla rete è in larga misura una forma di esclusione sociale. Il concetto di digital divide fa riferimento alla disparità in termini di partecipazione dei cittadini alla Società dell’Informazione e riflette l’importanza della componente digitale nei processi di integrazione sociale. In questo senso parlare di digital divide impone un’analisi che affronti il problema sia da un punto di vista “attivo” (azioni da intraprendere per incrementare l’inclusione) che “passivo” (azioni da intraprendere per ridurre l’esclusione).
 
Sulla scia di queste riflessioni, l’accento sulle dimensioni del divario digitale si è spostato dal semplice concetto di accesso alle ICT, alle disparità delle competenze nel loro utilizzo e dell’acquisizione dei benefici da esse derivanti. Da questo punto di vista la questione non risiede tanto nel comportamento dei cittadini in quanto semplici consumatori (anche di tecnologie), ma nella comprensione di quali sono i meccanismi alla base dell’esclusione all’interno della società, nelle forme in cui si manifesta oggi: la possibilità di accedere alla Società dell’Informazione rappresenta a tutti gli effetti una “capacità” necessaria alla piena partecipazione sociale. Questa visione induce a superare il concetto di inclusione ed esclusione sociale associati a parametri quali il reddito o la ricchezza, e considera invece un insieme più complesso di fattori che interagiscono fra loro. In questo senso, parlare di “eInclusion” o di “digital divide” presuppone analizzare non solo le disparità nella dotazione di tecnologie presenti nel tessuto sociale, ma anche fattori più o meno presenti a livello territoriale connessi alla capacità di generare coesione e capitale sociale.
 
Per queste ragioni la sezione propone una serie di indicatori relativi al digital divide sociale e culturale, a partire dal dimensionamento degli esclusi, e relativi soprattutto a quello che oggi viene qualificato come knowledge divide e che è in larga misura alla radice del divario digitale.
 
Accanto a questi indicatori “classici” di esclusione digitale, vengono proposti anche alcuni di contesto relativi alla esclusione economica, che offrono la possibilità di indagare se vi sono correlazioni tra il livello di qualità della vita della popolazione, nelle diverse regioni, e il livello di inclusione/esclusione digitale.
 

© 2010 Riir | Implementazione ed ideazione tecnica: Artea Studio | Based on: Corolla Drupal Theme
Estremamente comprare viagra senza ricetta tellings . Slimming world usa comprare cialis senza ricetta drugs dosage.